Pulire il divano a seconda del loro materiale e consigli utili

Prima di pulire il divano, c'è il bisogno di comprendere alcuni punti importanti. Quali sono e come procedere con la pulizia?

12
Pulire il divano

Pulire il divano non è molto semplice. La cura di questo oggetto casalingo può risultare molto complicata in base ad una serie di fattori che non si devono ignorare se si vuole preservarne l’integrità. 

Il divano è per eccellenza il simbolo dell’accoglienza, specie per gli ospiti e i familiari in casa. La sua pulizia può essere messa a rischio da numerosi fattori: polvere, macchie, briciole di cibo, sporcizia e germi possono annidarsi sul divano durante tutto l’arco della giornata. Basta un minimo di disattenzione per sporcarlo e per rovinarlo esteticamente.

Ebbene, pulire il divano diventa fondamentale per garantirgli una lunga longevità. Prestare maggiore cura e attenzione a questo infatti gli garantirà sicuramente una maggiore durata vitale.

Prima di procedere con la pulizia effettiva dell’oggetto di arredo, bisogna prestare attenzione ad alcuni punti. Ad esempio, al tipo di materiale o di rivestimento che copre il divano. Il trattamento da applicare va a variare a seconda del tessuto e del materiale che lo compone. 

Come si procede a pulire il divano senza aver paura di rovinarlo?

Leggi anche: Macchie di fondotinta: come eliminarle dai tessuti? Rimedi e consigli

Pulire il divano non sfoderabile

Leggere e comprendere l’etichetta 

Prima di procedere con la pulizia del divano non sfoderabile, bisogna cercare l’etichetta che indica solitamente la composizione del tessuto che riveste l’oggetto. Su quest’ultima si avrà la possibilità di comprendere il tipo di materiale, se è fibra, nylon o poliestere, e le modalità di manutenzione e di pulizia del prodotto. Infatti, indicherà se sarà possibile procedere con dei lavaggi a secco, le temperature adatte e i prodotti sconsigliati. In alternativa, si può sempre testare i prodotti da applicare sul divano per la pulizia con dei piccoli test. Si può utilizzare la soluzione per la pulizia in una piccola area nascosta del divano, qualche angolo ad esempio.

Prodotti per la pulizia del divano non sfoderabile

Alcuni prodotti sono essenziali per procedere con la pulizia. Possono essere d’aiuto elementi come:

  • Aspirabriciole.
  • Bacinella con acqua.
  • Spazzola con le setole morbide.
  • Aceto.
  • Spazzola anti-pilling per catturare e rimuovere i peli e i capelli.
  • Panno pulito.
  • Olio essenziale di lavanda.
  • Sapone di Marsiglia.

Aspirare i residui di sporcizia sul divano e spazzolare con cura

Il primo trattamento utile per pulire il divano non sfoderabile è quello di aspirare con l’aiuto di uno apposito strumento, come un aspirabriciole o un aspirapolvere dalle piccole dimensioni, tutti i residui di sporcizia presenti sulle superfici. Briciole di cibo, polvere e grumi di sporcizia possono infiltrarsi senza troppe difficoltà negli spazi più angusti dell’oggetto, e penetrare nei tessuti e nelle imbottiture. E’ consigliato effettuare una pulizia completa almeno una volta a settimana per evitare questo fastidio, e per eliminare tutti gli elementi che si annidano negli angoli.

Se è possibile rimuovere i cuscini, si può procedere con il pulire le sedute del divano con l’aiuto dell’aspirabriciole portatile.

Dopo aver eliminato tutti i residui di sporcizia, si può procedere con lo spazzolare con l’aiuto di una spazzola morbida, per rimuovere lo sporco che si va a depositare sulle superfici. Solitamente, lo si riconosce grazie ad una antiestetica patina grigia che si forma col tempo sul tessuto. Durante questa operazione, può essere utilizzato anche l’aspirabriciole per eliminare i residui che vengono fuori, come briciole in eccesso o polvere incastrata nelle fibre.

Con l’ausilio della spazzola anti-pilling si possono catturare tutti i peli e i capelli che si vanno a depositare sul divano, semplicemente passandolo sulle superfici. In particolare, per pulire il divano per bene da questi elementi, la spazzola deve essere passata in tutti i punti critici. Ad esempio i poggiatesta, i braccioli e gli angoli più angusti. 

Infine, lavare per bene con un composto di acqua, aceto e oli essenziali

Infine, con l’aiuto di un panno umido e del sapone, devono essere strofinate tutte le superfici di sostegno del divano per rimuovere lo sporco in eccesso. Zone come doghe, piedini e parti in legno e in metallo sono da spolverare per bene per rimuovere tutta la sporcizia.

Infine, bisogna procedere con il lavaggio a secco. Creando un composto di mezzo litro di acqua, un bicchierino di aceto e qualche goccia di olio essenziale profumato, si potrà pulire il divano perfettamente e renderlo profumato. In questa maniera si detergerà completamente l’oggetto, si riuscirà a disinfettarlo e a renderlo gradevole e profumato in casa.

Leggi anche: Macchie di caffè: come eliminarle definitivamente dai tessuti

Come pulire il divano in pelle

Il divano in pelle è un pezzo di arredamento molto comune nelle case: è importante conoscere i migliori metodi per pulirli con cura, per evitare di rovinarli vista la loro delicatezza. Nonostante ciò, sono molto semplici da pulire: basta semplicemente conoscere qualche trucco efficace.

Infatti, un utile prodotto su cui poter fare affidamento è sicuramente il sapone per cuoio e pelle. Quest’ultimo, lo si può reperire da un calzolaio, in ferramenta o in alternativa nei negozi specializzati per la cura dell’ambiente.

Basterà applicarlo su un panno pulito e successivamente, strofinare quest’ultimo nelle aree da pulire. Il sapone renderà il divano molto più pulito, eliminandone le impurità e nutrendo la pelle.

In alternativa, se il divano in pelle è di un colore molto chiaro come ad esempio il bianco, si può facilmente far tornare il suo splendore originario con l’aiuto di una saponetta cremosa per le mani. Basterà strofinarlo su un panno tiepido e leggermente umido e passare quest’ultimo sulla superficie da pulire.

Leggi anche: Pulire i tappeti presenti in casa a seconda del materiale. Consigli utili

Pulire il divano in microfibra o alcantara

Per pulire il divano in microfibra o in alcantara, bisognerà prestare particolarmente attenzione agli strumenti da utilizzare per evitare di rovinare il tessuto morbido. Anche in questo caso dovranno essere utilizzate le aspirapolveri manuali per eliminare tutti i residui di sporcizia. 

Con l’aiuto di una spazzola a setole morbide bisognerà massaggiare le sue superfici con delicatezza. Dopodiché, bisognerà creare un composto di acqua calda e mezzo bicchiere di aceto di vino. Una volta aver imbevuto un panno pulito nel composto, bisognerà passarlo sulle superfici per rimuovere le macchie e disinfettare al meglio il tessuto. 

Per far profumare e rendere più piacevole l’odore, basterà aggiungere qualche goccia di olio essenziale o di sapone di marsiglia.