prostata

La prostata è una piccola ghiandola dell’apparato uro-genitale maschile, essenziale per la funzione riproduttiva.

Delle dimensioni di una castagna, presenta la forma di un imbuto rovesciato.

Localizzata sotto la vescica e davanti al retto, circonda il primo tratto di uretra, detto uretra prostatica. L’uretra è  il condotto che dalla vescica porta l’urina verso l’esterno.

La struttura della prostata

La ghiandola si presenta divisa in quattro lobi:

  • Anteriore
  • Mediano
  • Laterale destro
  • Laterale sinistro

Essa è costituita da tessuto muscolare liscio,  tessuto connettivo fibroso e tessuto ghiandolare esocrino.

Il primo le permette di contrarsi ed espellere i secreti. Il tessuto connettivo svolge una funzione di sostegno.

Il tessuto ghiandolare esocrino

Le ghiandole esocrine versano il loro secreto all’esterno, o all’interno di cavità che comunicano con l’esterno. Le ghiandole endocrine, invece, producono ormoni che riversano nel circolo sanguigno.

La prostata è una ghiandola esocrina che produce:

  • Il liquido prostatico o liquido seminale

Questo è uno dei costituenti dello sperma, ed è costituito da zuccheri e composti basici. Ha il compito di mantenere fluido lo sperma, e consentire la sopravvivenza degli spermatozoi, per qualche giorno, nelle vie genitali femminili.

Gli zuccheri servono a nutrire gli spermatozoi.  I composti alcalini neutralizzano l’acidità delle secrezioni vaginali, che potrebbero danneggiare gli spermatozoi.

 

Funzioni della prostata:

Nella eiaculazione

Oltre alla produzione del liquido prostatico, la prostata ha un ruolo anche nell’eiaculazione. Essa incorpora i dotti eiaculatori, che riversano lo sperma nel canale uretrale.

Durante l’orgasmo, il tessuto muscolare liscio della ghiandola consente al liquido seminale di passare nell’uretra.

Contribuisce a regolare il flusso urinario

Prostata e vescica sono contigue.

Un buon funzionamento della prostata si accompagna ad una buona efficienza della funzione urinaria.

Questo è particolarmente evidente se la ghiandola si ingrossa: in tal caso si produce un restringimento uretrale,  che condiziona ovviamente la minzione.

Patologie che la interessano

Le malattie che riguardano questa ghiandola sono:

  • Iperplasia prostatica benigna
  • Prostatite
  • Cancro della prostata

Iperplasia prostatica benigna o BPH

Frequente negli uomini dopo i 50-60 anni, essa comporta un ingrossamento della ghiandola, che interferisce con la minzione. Denominata anche adenoma prostatico

I sintomi sono:

  • Dolore mentre si urina
  • Stimolo frequente alla minzione (voglia continua di urinare), soprattutto la notte ( nicturia)

La patologia si cura con farmaci che abbassano i livelli di testosterone, e migliorano la capacità di contrarsi della ghiandola. In alcuni casi si interviene chirurgicamente.

Prostatite

In questo caso si tratta dell’infiammazione della prostata.

Il più delle volte,  il processo infiammatorio è imputabile a batteri, e la prostatite è curata con antibiotici. In altri casi può essere causata da eventi traumatici della zona pelvica, o danni ai nervi urinari.

E’ più frequente negli over 50.

I sintomi sono:

  • Bruciore e/ o dolore mentre si urina
  • Nicturia( stimolo frequente ad urinare specialmente la notte)
  • Urine di cattivo odore e torbide, a volte con tracce di sangue
  • Basso ventre dolorante e dolore nell’eiaculazione
  • Sensazione di non aver svuotato completamente la vescica

Il cancro della prostata

Questo tumore maligno è senz’altro il cancro più frequente negli uomini.

Spesso, il carcinoma prostatico, in fase iniziale, si mostra asintomatico. A tale proposito, negli over 50, è raccomandabile eseguire periodici controlli.

Sintomi preoccupanti possono essere:

  • Frequente ed impellente minzione, anche nicturia. Dolore e bruciore ad urinare
  • Incontinenza urinaria
  • Ematuria ( sangue nelle urine)
  • Eiaculazione dolorosa e volume spermatico ridotto, tracce di sangue nello sperma
  • Dolorabilità di basso ventre e schiena

La cura di questa neoplasia è essenzialmente chirurgica con asportazione totale o parziale della ghiandola. Esiste anche una terapia ormonale.

Nei soggetti molto anziani, dove il tumore si mostra a lento accrescimento, si può talvolta scegliere di monitorarne la crescita senza intervenire chirurgicamente.

La diagnosi per individuarne i problemi

Tra i metodi diagnostici si ritrovano:

  • Gli esami del sangue. Leggi analisi del sangue. Per i problemi della prostata si valutano i livelli di PSA ( antigene prostatico specifico) . In condizioni normali i valori di questa proteina sono tra 0 e 4 nanogrammi per millilitro di sangue. Questi aumentano in condizioni patologiche. La maggior parte di questa proteina, nel sangue si presenta legata. Per una diagnosi più precisa, è necessario dosare anche la proteina in forma libera, ed il rapporto  PSA libero/ PSA totale deve essere, in condizioni normali, superiore al 20 %. Speranze da un nuovo test per lo screening
  • L’esplorazione digito rettale; solitamente effettuata dall’urologo o dall’andrologo. Essa permette di riconoscere ingrossamenti o noduli.
  • L’ecografia prostatica transrettale;  rivela dilatazioni o neoformazioni,  ed in caso di sospetti,  è associata ad una biopsia. La biopsia è l’asportazione di parte del  tessuto sospetto,  sul quale si effettua  un esame istologico.

Un nuovo test delle urine potrebbe rivoluzionare la diagnosi del cancro alla prostata, rendendola meno invasiva e più accessibile a tutti

Questo articolo ha solo scopo informativo e non si sostituisce ai metodi diagnostici e teraupeutici del medico specialista. Lasciami un like se ti è stato utile. grazie

 

 

Articolo precedenteCome fare l’albero di Natale, le tendenze dell’anno
Ho frequentato l'università di medicina Veterinaria, fino a pochi esami dalla fine. In seguito  sono poi approdata alla scuola di Naturopatia tradizionale Unipsi, ad indirizzo scientifico, ricevendo il conseguente attestato dopo effettuazione di un esame finale che ha avuto esito positivo. Sempre fortemente impegnata nello studio delle discipline affini alla consulenza del benessere, ho frequentato la scuola di riflessologia plantare e ho conseguito, dopo aver sostenuto un esame, il relativo attestato.Ho frequentato anche  alcuni corsi formativi con attestato dopo relativi esami : cosmetologia, trattamenti estetici del viso, trattamenti estetici del corpo, la messa in piega tecniche e processo, corso di personal trainer (150ore) presso Accademia domani.. Da sempre appassionata di scrittura, ho partecipato a numerosi concorsi poetici a livello internazionale, con pubblicazione di alcuni miei testi poetici. In quest'ultimo anno mi sono dedicata alla attività occasionale di ghost writer, solo per privati, fuori dal web. Attualmente lavoro  sul web con stesura di articoli e guide riguardanti il benessere e la medicina, e sono redattore sul web nella realizzazione di guide e recensioni di alta qualità per siti web importanti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui